Piracanta



Piracanta

Piracanta pianta sempreverde abbellisce i giardini dodici mesi all’anno. Presenta un fogliame folto, formato da piccole foglie di colore verde scuro. I rami, leggeri e meno invadenti rispetto a quelli di altre piante da siepe, sono muniti di spine acuminate. Non per niente il nome deriva dal greco dove pyros significa fuoco e acantha spina. In primavera compaiono numerosi di fiori bianchi simili a quelli del biancospino. Ma è in autunno che il pyracantha si accende. In questo periodo e per tutto l’inverno viene coperto da una miriade di bacche rosse, gialle o arancioni, secondo la varietà.

Perchè piantare una pianta di piracanta?

a) Innanzitutto perché forma siepi compatte, che rimangono folte e schermanti tutto l’anno, garantendo privacy e riparo dal vento e dal sole.

b) Poi perché la pianta di piracanta è altamente decorativa per il fogliame lucido, per i piccoli fiori che se non sono tra i più belli, certamente catturano lo sguardo per la loro abbondanza, e per la magnifica colorazione offerta dalle variopinte bacche.

c) Infine per la protezione offerta. I fitti rami spinosi sono talmente intrecciati tra loro che impediscono il passaggio a intrusi e malintenzionati.

 

Piracanta a bacca rossa
Piracanta a bacca gialla

 

Pianta di piracanta: caratteristiche

Il piracanta ama terreni profondi, drenati, ma può prosperare anche in terreni poveri, esposto a pieno sole o in posizione semi-ombreggiata. Sopporta temperature molto basse (anche fino a – 20°C) e il caldo torrido, anche in zone vicine al mare. Cresce abbastanza velocemente e in breve tempo forma siepi alte anche 3 metri. Deve essere potato una volta all’anno. I primi anni dopo l’impianto per favorire la crescita di nuovi rami, poi per mantenerne le dimensioni. La potatura va effettuata alla fine dell’inverno e prima della fioritura in modo da favorire la produzione delle caratteristiche bacche.

La distanza di impianto

Le piante di piracanta vanno distanziate di 50-70 cm. Se desideriamo una siepe molto folta e impenetrabile, che si formi nel minor tempo possibile, mettiamo una pianta ogni 50 cm. Altrimenti anche 70 cm tra ogni esemplare permette di avere una barriera folta e schermante.

Il piracanta può essere coltivato anche in vaso. In questo caso utilizzeremo fioriere lunghe almeno 80 -100 cm e profonde almeno 40 cm. In ogni fioriera collocheremo due piante. Per favorire la crescita delle piante è opportuno utilizzare un ottimo terriccio di tipo universale, innaffiare tutte le volte che il terriccio è secco e concimare periodicamente – almeno un paio di volte l’anno, a inizio primavera e a fine estate con del concime granulare universale a lenta cessione.

Facile da coltivare, estremamente resistente e versatile, molto decorativo, il piracanta può essere annoverato tra le migliori piante per formare siepi solide e compatte.


Le piante di cui abbiamo parlato in questo articolo:

Articoli simili

Glicine in vaso: come coltivarlo

Glicine in vaso: come coltivarlo

Un glicine in vaso che colora una ringhiera o una facciata di un’abitazione è il...
Leggi di più
Vite Americana

Vite Americana

La Vite americana è uno dei rampicanti più utilizzati per coprire pareti di casa,...
Leggi di più
Siepe da giardino: le 10 più belle

Siepe da giardino: le 10 più belle

Una bella siepe da giardino si ottiene scegliendo le piante più opportune. Sceglierai...
Leggi di più
Cornus, le varietà più decorative

Cornus, le varietà più decorative

Il cornus è un arbusto facile da coltivare. Per la fioritura primaverile, i rami colorati...
Leggi di più
Arbusti con fiori bianchi

Arbusti con fiori bianchi

Se ci piacciono tanto gli arbusti dai fiori bianchi è perché dalla primavera...
Leggi di più
Vendita piante online

Vendita piante online

La vendita piante online è ormai una consuetudine diffusa ed entrata nell’abitudine...
Leggi di più
Weigela, bellissima pianta da fiore

Weigela, bellissima pianta da fiore

La Weigelia è uno splendido arbusto originario dell'estremo oriente appartenente alla...
Leggi di più
Viburno Tinus, Lucidum o Opulus? Scopri le differenze

Viburno Tinus, Lucidum o Opulus? Scopri le differenze

Il Viburno comprende molte specie diverse con caratteristiche competamente diverse l’una...
Leggi di più